Escursioni e arrampicate Print E-mail

Punto di partenza per escursioni di vario tipo, dalle più semplici e corte alle più lunghe e impegnative:

la passeggiata che in 45 minuti - rimanendo circa sulla stessa quota - porta fino al Ciampediè;
il sentiero N° 546 che in meno di un’ ora raggiunge le Porte Negre, dove si trovano i rifugi Vajolet e Preuss a quota 2243.

• Il giro dell’Antermoia

 Lungo il sentiero N° 583 per il Passo delle Scalette (breve ferrata), mt. 2400, per proseguire verso il Passo di Lausa (m.2720) e il Rifugio Antermoia (m.2497) e poi tornare lungo il sentiero N° 584 per il Passo di Antermoia (m.2769) e scendere toccando il Passo Principe (m.2600) con il Rifugio Vajolet (m.2243) verso Gardeccia (m.1949). Tempo di percorrenza ore 7,15. Escursione impegnativa per la lunghezza e la presenza della piccola ferrata del Passo Scalette. Bellissima e suggestiva.

• Il Giro delle Cigolade

 Partendo da Gardeccia per il sentiero N° 540 si sfiorano i Rifugi Negritella e Ciampedie, si prosegue per l’alta via di Fassa N° 545 fino al rifugio Roda di Vaél e alla Baita Pederiva (m.2283), si imbocca il sentiero N° 541 per il Passo delle Cigolade (m.2561) e si scende per un tratto lungo lo stesso segnavia per poi abbandonarlo e seguire tracce di sentiero che portano direttamente a Gardeccia, oppure si prosegue per il 541 fino al crocevia con il sentiero per il Passo delle Coronelle, quindi si gira a destra per il N° 550 fino a Gardeccia. Tempo di percorrenza ore 5. Escursione bella e panoramica, non presenta particolari difficoltà. difficoltà.

• Giro del Catinaccio

 Percorso che fa tutto il giro intorno al Catinaccio centrale. Partenza da Gardeccia, per il sentiero N° 550 si attraversa il Passo delle Coronelle (m.2630) si scende verso il Rifugio A. Fronza alle Coronelle fino all’incrocio con il sentiero che porta verso il Passo Santner (segnavia S), si sale per la ferrata (nel tratto finale presenta un canalino che a inizio stagione potrebbe essere innevato) e si esce al Passo Santner dove si trova l’omonimo rifugio (m.2741). Punto panoramico. Si scende per il N° 542, dopo circa un quarto d’ora si passa sotto le mitiche Torri del Vajolet nei pressi del Rifugio Re Alberto (m.2621), si prosegue per il canale verso i rifugi Vajolet e Preuss ( a tratti facili roccette) e si ritorna a Gardeccia. Tempo di percorrenza 6-7 ore. Gita entusiasmante, portarsi l’attrezzatura necessaria per la ferrata. Panorama unico.

• Sentiero attrezzato “Bepo de Medil” Per Pala de Mesdì

Sentiero bellissimo e panoramico, tracciato nel 1930 dalla guida alpina e gestore del Rifugio Gardeccia, Giuseppe Desilvestro, detto Bepo de Medil.
Parte alle spalle del Rifugio Gardeccia e attraversando il Ruf de Soal, ci si inerpica tra i mughi per infilarsi in un canale molto accidentato, quindi gira a destra per un canalino stretto e selvaggio dove esiste un tratto attrezzato. Sbucati al sole si procede per roccette facili, che soltanto alla fine presenta due passaggini un po’ delicati; si risale per una cresta fino alla cima chiamata Pala de mesdì (m.2758), dove c’è una croce in legno benedetta da don Tita Soraruf in memoria dei Caduti di tutte le guerre.
Discesa: si ritorna per la cresta finale e si gira a destra verso la valle del Larsec. Si prosegue per il passo della Scalette (attrezzato) N° 583 o per il passo delle Pope.
Tempo di percorrenza ore 5,30.
Consigli: non adatto a tutti, terreno selvaggio e poco frequentato. Da fare in salita e con tempo bello e stabile. Può presentare neve nel canalino ad inizio stagione. Chiedere informazioni sulle condizioni e sul tracciato prima di partire. Foto “Sentiero Gardeccia 1”.

Download GPS Track

• Ferrate

nel circondario del rifugio ci sono diverse ferrate: i due versanti del Catinaccio D’Antermoia (m. 3004), la ferrata del Passo Santner, la Roda di Vaél e Masaré, il piccolo tratto del Passo Scalette, la Laurenzi.
Essendo l’argomento un po’ delicato, rimando la descrizione a qualche guida specialistica o all’informazione presso il gestore del rifugio più vicino o alle guide alpine.

• Climbing

The area of the Catinaccio, Torri del Vajolet and Dirupi di Larsec was the birthplace of the local mountain climbing.

Famous mountain climber, like Tita Piaz, Steger, Preuss and _____ climbed there and opened new ways, they’re more than goo.

In succession I attach the reports of some new way just opened, some of them haven’t been published in the guides yet.

If someone has other reports and wants them to be published, please send me.

 

 

·         Tra fuoco e nuvole   Gran Fermada m. 2080 - Dirupi del Larsec (Fabio Giongo 20 giugno 2009)

·         Via Dolomia 2009   Gusela del Rifugio m. 2260 Dirupi del Larsec (Fabio Giongo 12 settembre 2009)

·         Via Lo spigolo Maestro  Guglia del Rifugio m. 2200 Dirupi del Larsec (Fabio Giongo Cesare Pastore Roberto Platter autunno 2001)

·         Via Occhio Becco  Zoccolo della selvaggia m. ___ Dirupi di Larsec (Paolo Borgonovo Germano Rasom 15 giugno 2011).

·         Via Edelweiss per Gabriele  Zoccolo della selvaggia m. ___ Dirupi di Larsec (Germano Rasom Paolo Borgonovo 7 ottobre 2009)

·         Via Vuoto d’aria  Porte Neigre m. 2243 Gruppo del Catinaccio (Cesare Pastore autunno 2002)

·         Via del Rifugio  Porte Neigre m. 2243 Gruppo del Catinaccio (Fabio Giongo autunno 2006)

·         Via Un diavolo per amico  Catinaccio Parete Est (Fabio Giongo Veronica Lacchin Davide Clerici 14 settembre 2002).

·         Palestra al Vajolet